Tag: gabriele compagnucci

gabriele compagnucci

Zona MYSP, Intervista a Gabriele Compagnucci “Dall’inizio ho sempre voluto alzare questa coppa”

Al termine della finale tra Romulea e Vigor Perconti, che si è conclusa con il risultato di 0-3 (potete recuperare qui la cronaca con gli highlights), abbiamo ospitato ai nostri microfoni il capitano e numero 10 della Vigor, Gabriele Compagnucci. Il ragazzo, reduce da una grande stagione, è stato uno dei protagonisti indiscussi della finale, autore di una prestazione di altissimo livello. Di seguito trovate le sue dichiarazioni:

Che sensazioni provi, da capitano, ad alzare finalmente il trofeo?

Un’emozione indescrivibile! Siamo partiti insieme il 19 agosto e siamo stati davvero una famiglia per tutto l’anno. Dopo la partita contro il Savio e la semifinale con la Nuova Tor Tre Teste, in cui siamo andati per tutte e due le volte sotto, abbiamo dimostrato che non molliamo mai e che siamo una squadra unita dall’inizio alla fine.

Abbiamo notato che te e Capparella siete stati la marcia in più di questa squadra, te lo aspettavi da inizio stagione di arrivare alla finale giocando un calcio di questo livello?

Purtroppo sono 3 anni, dico purtroppo perché c’è stato di mezzo il Covid, che voglio giocare queste partite e queste finali per vincerle. Lo meritiamo perché è da tutto l’anno che facciamo grandi sforzi e sacrifici. Capparella è davvero straordinario e fa la differenza in questa categoria, è un giocatore fortissimo. Comunque me lo aspettavo di arrivare a questo livello, è stato un percorso di crescita cominciato ad inizio anno. Non sapevo se eravamo i favoriti, perché non abbiamo mai incontrato le squadre degli altri gironi, ma noi siamo veramente forti. Dall’inizio ho sempre voluto alzare questa coppa e alla fine ci siamo riusciti.

Avete avuto mai paura di non poterla vincere?

Non c’è mai stata questa paura perché, come detto, ho sempre creduto nella nostra forza. Sinceramente è dai quarti di finale che dico alla squadra che avremmo vinto, questo non solo perché siamo bravi, ma anche perché siamo una famiglia. In questa finale siamo partiti bene, subito 3-0 e poi tanto possesso palla. Non abbiamo mai mollato, siamo rimasti sempre concentrati e alla fine il successo è stato meritato.