Categoria: Rubriche

Vigor perconti romulea

Romulea – Vigor Perconti, finale play-off Juniores Élite: la cronaca

Durante le scorse ore è andata in scena l’attesissima finale dei play-off Juniores Élite tra Vigor Perconti e Romulea! La gara di fatto si è tramutata nella rivincita della medesima partita di tre anni fa, che vide trionfare proprio la Romulea e che diete l’inizio alla splendida cavalcata che la portò a vincere il tricolore della rispettiva categoria. Prima di lasciarvi alla cronaca di quanto accaduto in campo, vi riportiamo le parole di mister Persia alla vigilia del match. La partita di oggi è comunque terminata con il risultato di 0-3 per la Vigor Perconti, che si aggiudica così il titolo di campione.

Formazioni

Vigor Perconti
Tit: Corriere, Merola, Fofana, Sablone, Fiorini, Scaccia, Capparella, Grimaldi, Costantini, Compagnucci (C), Orlandi.
Ris: Iurgens M, Iurgens F, Staffa, Zarola, Flavoni, Nardoni, Mascolo, Labozzetta, Kone
All: Persia

Romulea
Mancini, Gasbarra, Rombola, Corradini, Bonesi (C), De Petris, Mascia, Faccenna, Du Besse, D’Andrea, Bizzoni
Ris: Faccenna, Barchiesi, Castelli, Del Bono, Di Santo, Fiori, Mirra, Riva, Stilli
All: Rubenni

Il primo tempo si è aperto subito nel migliore dei modi per i tifosi neutrali, le squadre, nonostante la paura e la tensione iniziale, hanno dimostrato di avere gamba e voglia di portare l’esito della finale dalla propria parte. Dopo una fase normale di studio, arriva la giocata illuminante di Compagnucci, che trova Capparella con uno splendido lancio e lo manda uno contro uno davanti a Mancini, pallonetto morbido dal limite e 1-0 Vigor Perconti al 27′.

Capparella però ancora non ha finito e, su una palla lunga in profondità di Sablone, ci si avventa prima di Gasbarra, lo punta, lo salta e alla fine il numero 2 della Romulea non può nulla tranne che stenderlo in area: calcio di rigore secondo il direttore di gara. Dagli undici metri si presenta Scaccia, che freddo dal dischetto infila il pallone sotto l’incrocio. Vigor Perconti avanti di 2-0 al 37‘ e partita in discesa per la squadra di Persia.

In questo primo tempo l’asse Compagnucci-Capparella funziona molto bene, il capitano serve l’esterno che punta il solito Gasbarra e va alla conclusione che viene però sporcata. Sembrava una palla innocua per Mancini, ma il numero 1 della Romulea non trattiene il pallone e la sfera finisce nella zona di Merola che si fa trovare pronto e mette dentro il tap-in del 3-0 proprio sul finale.

Nel secondo tempo la Romulea prova ad alzare la testa ed il baricentro, i cambi hanno tentato di capovolgere l’inerzia della gara ma la Vigor ha saputo reggere botta e farsi valere quando possibile. La squadra di Rubenni non è mai riuscita a dare la stoccata vincente utile per riaprire la partita, anzi, Sablone spreca la palla del possibile 4-0 da ottima posizione, conclusione ribattuta da una splendida parata di Mancini. 

La gara termina 3-0 per la Vigor Perconti senza ulteriori squilli, con la squadra di Persia che è sembrata in controllo della partita dall’inizio alla fine. Il vantaggio ottenuto nella prima metà di gara è stato fondamentale, la Romulea ha anche pagato le tante assenze che l’hanno perseguitata in questa fase dei play-off. Resta però il percorso fatto, la crescita dei ragazzi che hanno lottato fino alla fine per raggiungere un traguardo prestigioso come la finale.

Complimenti dunque ad entrambe le squadre in particolare alla Vigor Perconti che si è aggiudicata il trofeo.

Andrea Persi

Zona MYSP: intervista a Andrea Persi “Stiamo vivendo un sogno”

Ai nostri microfoni Andrea Persi, presidente del W3 Maccarese, che nelle ultime settimane sta realizzando una vera e propria favola sportiva. La scorsa settimana W3 Maccarese e Anzio si sono sfidate per accedere ai play-off nazionali, competizione che permette al vincitore di conquistare la serie D.

State rincorrendo la serie D, state vivendo un sogno o era prefissato negli obiettivi ad inizio stagione?

Sicuramente stiamo vivendo un sogno, ma eravamo consapevoli di aver costruito un gruppo importante e ben allenato, con un grande staff. Non è qualcosa di impossibile, ma sicuramente non era l’obiettivo principale della nostra stagione. Tuttavia, ad un certo punto arrivare tra le prime due è diventato l’obiettivo concreto, pensato per la prima volta probabilmente dopo le prime cinque vinte. A quel punto abbiamo fatto di tutto per perseguire questa strada, non ci siamo accontentati e siamo stati bravi a chiudere bene la stagione.

Com’è il clima all’interno nello spogliatoio e come vi state preparando agli spareggi nazionali?

Il clima è quello di una squadra che ci crede, che ha entusiasmo e voglia di giocare. Molti di questi giocatori erano con noi in prima categoria, alcuni anche in terza. Pensare di andarci a giocare la serie D al Picchi è qualcosa di davvero entusiasmante.

Quando ha inciso la programmazione degli anni passati ai fini del risultato attuale?

La programmazione è tutto, la programmazione è stato tutto. Oltre ai meriti che ripeto e sottolineo del nostro staff tecnico, dei dirigenti e soprattutto dei giocatori, sicuramente la programmazione e la capacità di aver mantenuto un gruppo e averlo implementato negli anni, anche con scelte strategiche di un certo tipo, è stata la base del nostro successo. Questo è innegabile e nessuno può contraddirlo, la cosa certa e sicura è che nel calcio, come in qualsiasi cosa, se si agisce in maniera corretta i risultati arrivano. Questi sicuramente non sono casuali, perché in otto anni siamo arrivati dalla terza categoria alla soglia della serie D. La programmazione è evidente che sia stata fatta nel modo corretto. Noi ad eccezione di due stagioni siamo sempre stati promossi nelle annate, non può essere un caso.

Giocarsi un posto per la D era fin dall’inizio nei vostri programmi o vi siete resi conto con il tempo del fatto che fosse un obiettivo realizzabile?

La serie D non era nei nostri programmi e non lo è mai stata, così come non lo era l’Eccellenza, la Promozione e la Prima Categoria. Abbiamo sempre pensato di poter far bene e ci siamo impegnati per farlo. La serie D non è nei nostri programmi come non lo sarà la Lega Pro l’anno prossimo (ride), o tra due anni o tre. Se dovessimo avere la possibilità di farlo, perché no?

ANDREA PERSIA

Zona MYSP: Intervista a Andrea Persia prima della finale “Sono molto orgoglioso di questo gruppo”

Abbiamo intervistato Andrea Persia, mister della Juniores Élite della Vigor Perconti, che il 25 maggio dovrà affrontare la finale dei play-off contro la Romulea. Nonostante la gara sia l’appuntamento più importante della stagione, l’allenatore dei blaugrana si è mostrato molto tranquillo.

Contro il Savio siete riusciti a ribaltare la partita, così come contro la Nuova Tor Tre Teste, qual è il segreto di questa forza?

Noi siamo una squadra partita dal 19 di agosto con un gruppo giovane, basta leggere le distinte di tutto l’anno. Ci giocheremo una finale con in campo sei o sette 2004, più un portiere 2006 bravissimo. Abbiamo fatto una politica che parte da lontano, con giocatori funzionali al progetto societario che poi sfocia nella prima squadra.

 

 

I ragazzi lavorano in maniera eccezionale dal primo giorno, anche se abbiamo incontrato delle difficoltà nel corso della stagione e ci siamo scontrati con squadre più grandi in termini di età. Abbiamo una rosa giovane fatta di persone dal grande valore calcistico e morale. Abbiamo lavorato bene, e ci troviamo ad affrontare una finale che non era scontata, ma è tutto meritato per la passione, umiltà e spirito di appartenenza. Ci tengo a dire che è merito dei ragazzi, che hanno svolto un lavoro davvero eccezionale.

Si aspettava questo risultato all’inizio dell’anno? 

Il nostro obiettivo era quello di arrivare a fare la fase finale, per quanto concerne invece l’importanza del piazzamento nel campionato è più un fattore personale. Io sono molto orgoglioso di questo gruppo e del percorso di crescita che ha fatto, visto che si tratta di una squadra rinnovata rispetto allo scorso anno. Hanno lavorato molto bene sotto tutti gli aspetti: tattici, fisici e di atteggiamento.

 

 

Mi aspettavo di arrivare ai play-off, ma non di arrivare in finale. Non è mai semplice trovarsi a questo punto. Non basta avere il nome di una squadra per arrivare fino in fondo, e questo vuol dire che c’è uno spirito di unione importante che porta il gruppo a dare il 200%. I ragazzi hanno fatto un percorso straordinario, ci andiamo a giocare l’ultimo atto contro una squadra forte, detentrice del titolo e con giocatori importanti. Andremo a giocare consapevoli, rispettando l’avversario.

Com’è il clima nello spogliatoio? 

 Siamo una famiglia, un gruppo pulito. Sappiamo gli sforzi che abbiamo fatto e le difficoltà incontrate durante la stagione. Sappiamo anche che andremo ad affrontare un avversario di grande livello. Abbiamo fatto tanti sacrifici e ci affacciamo a questa partita con la stessa tranquillità e lo stesso lavoro che abbiamo fatto nel corso della stagione.

Queste le parole di Andrea Persia prima del big match del 25 maggio, che MYSP trasmetterà sulla piattaforma dedicata. Se non avete la possibilità di seguire la partita potete comunque recuperarla in differita.

Savio – Cyntialbalonga

Under 17 Elite play-off, Savio – Cyntialbalonga

Il Savio, che arriva da un primo posto in classifica ottenuto nel corso della stagione regolamentare, affronta il Cynthialbalonga, squadra con buone qualità e ben organizzata. La partita è rimasta in equilibrio fino alla fine, a deciderla sono stati i calci di rigore, che hanno premiato proprio il Savio.

Nel primo tempo una lunga fase di studio. Le compagini hanno osato poco, forse bloccate tanto dalla stanchezza di questo finale di stagione quanto dall’importanza della posta in palio.

La musica cambia leggermente nel, con le squadre, rinfrescate anche dai cambi, che hanno alzato il ritmo del gioco creando occasioni anche pericolose. Tuttavia non bastano i tempi regolamentari per decidere l’incontro. Si va dunque ai calci di rigore, croce e delizia del mondo del calcio.

Ad aprire le danze ci pensa il Cynthialbalonga: dagli undici metri si presenta Riola, che non sbaglia. Arriva il turno del Savio, Suffer è glaciale e pareggia i conti. Poi Coltella, che si lascia ipnotizzare dal numero 1 dei blues e sbaglia. De Montis ha la possibilità di allungare e non si fa sfuggire l’occasione, spiazzando l’estremo difensore.

Fagiani tiene in piedi il Cyntialbalonga tirando un rigore che finisce con estrema precisione all’angolino. Il Savio però non ci sta e riallunga subito le distanza con Masiero, anche in questo caso portiere da una parte e pallone dall’altra. Feri sente il peso del rigore ma mantiene la calma, il portiere avversario intuisce ma non arriva sulla sfera. Successivamente per il Savio dal dischetto va Calzone, che, senza pensarci troppo, va di potenza sotto l’incrocio, realizzando il rigore che sarà poi decisivo. L’errore che chiude definitivamente i giochi per il Cynthialbalonga viene commesso da Lolli. Anche in questo caso l’estremo difensore del Savio ipnotizza il suo avversario, parando il suo secondo rigore della serie.

La lotteria dei rigori, terminata con il punteggio di 4-3, decreta che sarà il Savio a giocarsi la finale. Prima di lasciarvi vi ricordiamo che se volete recuperare la partita, potete trovarla nella nostra piattaforma dedicata.

Nuova Tor Tre Teste - Atletico 2000

Under 15 Elite, Nuova Tor Tre Teste – Atletico 2000: la cronaca

Uno dei match più attesi di questa giornata era sicuramente lo scontro tra Nuova Tor Tre Teste e Atletico 2000, partita terminata con il risultato di 1-0.

La gara è stata molto combattuta con occasioni sia da una parte che dall’altra, ma a deciderla è stato un calcio di rigore trasformato da Adamo dopo pochi minuti dall’inizio. La Nuova Tor Tre Teste ci ha abituato a ben altro durante il campionato regolamentare, ma in questa partita è apparsa leggermente più affaticata.

Sebbene non ha lasciato grossi spazzi agli avversari, è mancata un po’ di forza nel cercare il K.O. decisivo. Tuttavia, la squadra ha tenuto bene il campo per tutta la partita, dimostrando di avere ancora una tenuta fisica davvero invidiabile. Le occasioni che si sono susseguite sono apparse un po’ confusionarie da entrambe le squadre, con il passare del tempo il forte caldo si è fatto sentire e, abbinato alla naturale stanchezza, deve aver fatto perdere un po’ di freschezza ai ragazzi, che spesso si sono trovati a sbagliare l’ultima giocata.

Sebbene i valori delle rose non erano così equilibrate l’Atletico 2000 ha fatto una partita sontuosa, mister e ragazzi possono davvero uscire dal campo a testa alta, soddisfatti di aver concluso una grande stagione.

Se siete interessati a recuperare la partita nella sua interezza, potete rivederla all’interno della nostra piattaforma che trovate al seguente link.

Vigor Perconti - Accademia Calcio Roma

Under 17 Elite play-off, Vigor Perconti – Accademia Calcio Roma: la cronaca

Durante le scorse ore è andata in scena la partita attesissima tra Vigor Perconti e Accademia Calcio Roma, la squadra di Andrea Paci si è trovata davanti una vera e propria montagna da scalare, una partita tosta sotto diversi punti di vista, ma le squadre in campo hanno regalato davvero tanto spettacolo.

La partita viene subito sbloccata proprio dalla Vigor, che nei primi minuti di gioco ha messo in luce una condizione fisica invidiabile. La Vigor ha immediatamente un’occasione dagli undici metri, la grande parata del portiere dell’Accademia Calcio Roma mantiene il risutato sullo 0-0. Sugli sviluppi di una rimessa laterale viene effettuato un cross dalla destra che sembra apparentemente innocuo, ma proprio su questo pallone vagante ci si agguanta Malvestuto che non perdona gli avversari, 1-0 dopo un quarto d’ora.

Il raddoppio della Vigor arriva nel secondo tempo grazie al secondo calcio di rigore concesso dal direttore di gara. Dal dischetto si presenta De Franchi che spiazza il portiere mettendo la palla sotto l’incrocio, gran conclusione e punteggio che va sul 2-0.

La Vigor non si ferma, anzi trova anche il terzo gol: Malvestuto sancisce la sua doppietta personale con una conclusione precisa all’angolino. La partita termina con un rocambolesco 3-0, risultato forse un po’ troppo severo per i valori di entrambe le squadre ma la Vigor Perconti ha fatto davvero una grandissima partita.

Vi ricordiamo che se volete recuperare tutta la partita, lo potete fare tramite la nostra piattaforma dedicata.

Spes Montespaccato - Montesacro

Under 15 Regionale, Spes Montesacro – Montespaccato: la cronaca

Oggi è andata in scena la partita tra Spes Montesacro e Montespaccato, partita importantissima che avrebbe riaperto il discorso campionato, non solo per le due protagoniste odierne ma anche per lo Spes Artiglio che aspettava con ansia il risultato finale di questa partita.

Al termine dei 90 minuti il risultato dice 1-0 per il Montesacro, gara combattutissima che sarebbe potuta finire in qualunque modo. Il Montesacro dimostra di avere subito gran voglia di orientare la partita verso la propria parte, infatti sblocca subito il punteggio con un gran tiro dal limite di Panetta, sinistro potente e pallone sotto l’incrocio. Incolpevole il numero 1 del Montespaccato che non può davvero nulla su questa conclusione.

Dopo il gol abbiamo visto una partita molto fisica, combattuta specialmente a centrocampo, ma per tutto il primo tempo il Montespaccato ha dato prova di avere qualcosa in più sulle gambe, soprattutto per quanto concerne la tenuta fisica. Di contro il Montespaccato ha provato in un paio di occasioni a cercare la reazione, senza mai trovare però lo spunto vincente.

Il secondo tempo segue la falsa riga del primo, ma anche nella ripresa il Montespaccato non riesce mai a trovare il varco giusto per pareggiarla.

Come si dice in questi casi, 3 punti che ne valgono 6! Lo Spes Montesacro, a causa delle solo due giornate rimanenti, allontana definitivamente il Montespaccato dalla corsa al campionato, rimanendo a pari punti però con lo Spes Artiglio ed alimentando il dualismo che ci ha accompagnati dall’inizio della stagione.

Vi ricordiamo inoltre che se siete curiosi di vedere l’intera partita, la trovate sulla nostra piattaforma dedicata.

Nuova Tor Tre Teste - Vigor Perconti

Juniores Elite semifinale play-off, Nuova Tor Tre Teste – Vigor Perconti

Oggi pomeriggio al centro sportivo della Lodigiani è andata in scena la semifinale dei play-off tra Nuova Tor Tre Teste – Vigor Perconti, finita con il risultato di 1-3. La sfida era molto attesa, visto e considerato i valori delle squadre in campo. Le aspettative non sono state deluse e, indipendentemente dal risultato, le due rose hanno regalato una partita di grande livello, con tantissime azioni di qualità.

Formazioni

Nuova Tor Tre Teste 
Polinesi, Adballa Said, Spirito, Pingaro, Felici, Garritano, Panatta, Briatico (C),Cardellini, Spila, Chimenti.
Ris: De Masi, Bruno, D’Orazio, Vlad Rares, Liverani, Innocenti, Boncori, Papa, Bruschi
All: Busetta

Vigor Perconti
Corriere, Marola, Nardoni, Fofana, Fiorini, Scaccia, Capparella, Sablone, Kone, Compagnucci (C), Grimaldi.
Ris: Iurgens M, Iurgens F, Staffa, Zarola, Orlandi, Flavoni, Costantini, Labozzetta, Mascolo.
All: Persia

Marcatori
Nuova Tor Tre Teste: 23′ Cardellini
Vigor Perconti: 58′ Grimaldi, 66′ Orlandi, 82′ Capparella

Nuova Tor Tre Teste - Vigor Perconti

Partita combattutissima quella andata in scena tra Nuova Tor Tre Teste e Vigor Perconti! La squadra di Busetta parte subito forte e la sblocca dopo 23 minuti grazie a Cardellini. Per tutto il primo tempo la Nuova Tor Tre Teste ha mostrato una condizione fisica invidiabile, tanto da mantenere il vantaggio senza troppe difficoltà. Di contro la Vigor ha svolta una prima frazione abbastanza sottotono ed ha accusato i ritmi imposti dagli avversari.

Tuttavia il secondo tempo è un’altra storia, la Vigor sembra avere qualcosa in più e sfiora il pareggio in più di un’occasione. Alla fine la squadra di Persia agguanta la Nuova Tor Tre Teste con il suo numero 11 Grimaldi su sponda di Kone. Da quel momento sembra tutto abbastanza in discesa, anche perché si accede Capparella e nel giro di 20 minuti prima serve una splendida palla ad Orlandi, che trova la conclusione con un sinistro a giro sul secondo palo, poi si mette in proprio e da lontanissimo spacca la porta difesa dell’incolpevole Polinesi.

A questo punto la Nuova Tor Tre Teste non ne ha più, prova a rimetterla in piedi anche trovando un gol che sarebbe stato importante, ma purtroppo per loro l’arbitro segnala una carica al portiere della Vigor ed il risultato resta invariato.

zona mysp

Come una finale, le partite da non perdere tra LND e SGS, 14-15 maggio

La stagione si sta preparando ad entrare nella sua fase più calda, visto che questo fine settimana andranno in scena le semifinali dei play-off dei vari campionati di LND e SGS. Noi, come al solito, vi segnaliamo quali sono le partite che non dovete assolutamente perdervi.

Eccellenza play-off: Tivoli Calcio 1919 – Pomezia Calcio 1957

Ci aspetta uno scontro tra pesi massimi in Eccellenza, dato che sia il Tivoli che il Pomezia si sono entrambe piazzate prime nei loro rispettivi gironi. Si prospetta una gara combattuta e molto equilibrata, visto l’enorme valore delle due rose.

Juniores Elite play-off: Vigor Perconti – Nuova Tor Tre Teste

Partita che merita sicuramente un’attenzione speciale, sia per le rose di entrambe le squadre che per la qualità del gioco espresso nel corso della stagione. La Vigor arriva da una partita rocambolesca in cui ha sconfitto per 2-1 il Savio, mentre la Tor Tre Teste ha dominato per 5-1 contro l’Aranova. Sarà una sfida sicuramente combattuta, dai risvolti inaspettati. Non vediamo l’ora di vedere cosa succederà.

Under 17 Elite play-off: Vigor Perconti – Accademia Calcio Roma

Dopo la vittoria per 2-0 dell’Accademia Calcio ai danni della Nuova Tor Tre Teste, la squadra di Andrea Paci si troverà davanti ad un’altra una grande prova.

Under 17 Elite play-off: Savio – Cyntialbalonga

Tutte le categorie del Savio si sono contraddistinte per un gioco di gran livello. Nello specifico l’Under 17 si è portata a casa il campionato terminando a +5 dall’Ottavia. Per il Cynthialbalonga si prospetta una sfida ardua, ma le qualità per mettere in difficoltà i blues ci sono tutte.

Under 15 Elite play-off: Vigor Perconti – Tirreno Sansa

La Vigor non vuole fermarsi neanche nella categoria Under 15 e questa volta si trova davanti il Tirreno Sansa. Per quest’ultima si prospetta una grande montagna da scalare, dato che i padroni di casa dopo un campionato combattutissimo non hanno la minima intenzione di fermarsi.

Under 15 Elite play-off: Nuova Tor Tre Teste – Atletico 2000

Partita che sulla carta sembra davvero complicata per l’Atletico 2000, nonostante tutto sommato un buon campionato. La Nuova Tor Tre Teste sembra una macchina perfetta, non avendo mai perso nel suo girone e potendo contare su un attacco che ha totalizzato l’incredibile numero di 101 gol e una difesa che ne ha presi soltanto 9.

Under 15 Regionale: Spes Montesacro – Montespaccato

Con tre partite ancora da giocare, questo scontro diretto tra prima e terza potrebbe risultare decisivo per le sorti del campionato. Lo Spes Montesacro attualmente ha totalizzato 56 punti, gli stessi dello Spes Artiglio. Il Montespaccato, che attualmente si trova a 49 punti, in caso di vittoria potrebbe addirittura rilanciarsi puntando alla vetta, anche se oltre a tanta tenacia servirà una buona dose di fortuna proveniente dai risultati degli altri campi.

Vi ricordiamo che per vedere le gare in diretta o in replica da PC basterà accedere alla nostra piattaforma dedicata, mentre se volete avere il mondo MYSP sul vostro cellulare dovrete scaricare l’applicazione disponibile sia su dispositivi iOS che Android.

baronci fiumicino

Zona MYSP: intervista a Baronci dopo Campus Eur – Fiumicino “L’importante ora è rialzarci”

Abbiamo intervistato Claudio Baronci, terzino sinistro del Fiumicino, al termine dei play-out di Eccellenza contro il Campus Eur. La gara è terminata con il risultato di 2-1 per i padroni di casa. Purtroppo, dopo i 90 minuti regolari, per la squadra di mister Di Ruocco è arrivata la retrocessione in Promozione, ma resta comunque una grande prestazione da cui bisogna ripartire.

Baronci, autore di un gran gol che ha segnato il momentaneo vantaggio del Fiumicino, si è espresso in questo modo al termine della gara:

Che emozioni hai provato dopo il gol? 

Segnare è sempre bello, ma segnare un gol così pesante il giorno del play-out fuori casa davanti a tutti i nostri tifosi è stata un emozione unica, indescrivibile. Giocherò ancora tanti anni a pallone. Forse lascerò Fiumicino o forse no, chi lo sa, ma porterò sempre con me quel goal lì, quella corsa sotto i nostri ultras.

Come giudichi la prestazione della squadra? 

Posso solo ringraziare i miei compagni: hanno onorato lo stemma sulla maglia, lottando su ogni pallone nonostante l’inferiorità numerica. Ti dirò di più, se non fosse stato espulso ingiustamente De Nicolo avremmo vinto.

Che clima c’è dentro lo spogliatoio dopo la sconfitta? 

Perdere fa sempre male, sempre. Soprattutto il giorno del play-out dopo una grande prestazione di squadra. A mio avviso avremmo meritato la vittoria, e per questo fa ancora più male. Chiaramente eravamo delusi e amareggiati, soprattutto dopo una direzione arbitrale non all’altezza di un campionato di Eccellenza. Purtroppo però questo è il calcio, l’importante ora è rialzarci più forti di prima, a testa alta, come noi sappiamo fare.

Ricordiamo che potete trovare la partita completa sulla nostra piattaforma ufficiale, mentre gli highlights sono disponibili su Facebook e Instagram.

La cronaca di tutta la partita invece la trovate a questo link.

vigor perconti savio

Juniores Elite Play-Off, Vigor Perconti – Savio: la cronaca

Finalmente è andata in scena una delle partite più attese di questi play-off della categoria Juniores Elite, incontro che vede contrapporsi Vigor Perconti, qualificatasi prima nel girone A, e Savio, arrivata quarta nel girone B.

Entrambe le squadre possono contare su un attacco davvero portentoso, da una parte abbiamo la Vigor con il suo Capparella arrivato a quota 24 gol in questa stagione, il Savio invece ha una coppia formidabile composta da Tarquini e Gentilucci, che insieme hanno totalizzato la bellezza di 34 reti.

Formazioni

Vigor Perconti
Corriere, Merola, Fofana, Staffa, Fiorini, Scaccia, Capparella, Sablone, Costantini, Compagnucci (C), Grimaldi
Ris: Iurgens M, Iurgens F, Nardoni, Zarola, Orlandi, Flavoni, Mascolo, Labozetta, Kone
All: Persia

Savio
Pirrone, Marinangeli, Franzini, Di Martino, Casali, Paolantoni (C), Tarquini, Panariello, Gentilucci, Antonazzi, Maligno
Ris: Gattai, Macrillante, Muscolo, Serafini, Ciapponi, Pompei, Di Filippo, Ciccanti, Corvino
All: Di Stefano

vigor perconti savio

La partita parte bloccata, le squadre all’inizio si sono studiate parecchio e ci è voluto un po’ prima che i giocatori si sciogliessero in campo.

20′ – Gol del Savio! La partita si sblocca, cross dalla destra che finisce al centro dell’area di rigore, la palla arriva ad Antonazzi che controlla e con un destro morbido batte l’incolpevole Corriere.

21′ – La Vigor non ci sta e cerca subito la reazione, una serie di rimpalli favoriscono Sablone che al volo sfiora un gran gol.

25′ – Tarquini cerca il gol su punizione ma trova la pronta risposta di Corriere, raddoppio del Savio solamente sfiorato.

26′ – Grande occasione per la Vigor, un passaggio di Fofana libera Capparella che dal limite cerca la conclusione a giro sul secondo palo. Palla di poco fuori con Pirrone battuto.

28′ – Partita ricca di emozioni adesso e ancora gol sfiorato dal Savio. Calcio di punizione affidato ad Antonazzi che per poco non trova la porta.

35′ – Palo della Vigor Perconti! Sugli sviluppi di un calcio di punizione, Pirrone accenna l’uscita ma si perde il pallone, si crea una mischia ed il Savio si salva solo grazie al legno.

41′ – Occasione incredibile per il Savio, contropiede perfetto della squadra di Di Stefano. Scambio sulla fascia destra, cross rasoterra che trova Gentilucci. Gran controllo in corsa e conclusione di poco fuori.

43′ – Gol della VIgor Perconti! In area di rigore viene steso Fofana e l’arbitro concede la massima punizione. Dagli undici metri si presenta Scaccia che di sinistro spiazza Pirrone. 1-1 e tutto da rifare.

Fine primo tempo 1-1 

49′ – La Vigor Perconti parte subito forte, conclusione dal limite di Sablone e palla di poco fuori.

50′ – Azione bellissima del Savio dopo una palla recuperata a centrocampo. Una serie di scambi tra i giocatori liberano Marinangeli in area di rigore che sfortunatamente non conclude nel migliore dei modi. Punteggio che resta invariato.

52′ – Botta e risposta tra le due squadre. La Vigor ha una punizione pericolosa, alla battuta si presenta Compagnucci che manda il pallone di poco alto.

65′ – La Vigor Perconti continua a spingere. Cross che sfila in mezzo a tutta l’area di rigore del Savio, in rimorchio arriva Mascolo che da ottima posizione non trova il pallone.

67′ – La Vigor Perconti prova a passare in vantaggio a tutti i costi ma non ci riesce. Rimessa laterale battuta nel cuore dell’area di rigore, la palla finisce nell’area piccola con Capparella che manca l’appuntamento con il gol.

72′ – Gol della Vigor Perconti! Sugli sviluppi di un calcio d’angolo la palla finisce sui piedi di Kone, doppio dribbling e sinistro all’angolino. 2-1 per i padroni di casa!

75′ – Doppia occasione del Savio che prova subito a rialzare la testa. Prima Gentilucci dal limite impegna Corriere, sulla ribattuta si butta Antonazzi ma trova nuovamente una gran risposta di Corriere che blinda la porta.

89′ – Partita che perde un po’ di ritmo in questa fase finale, le squadre sono stanche e si avverte la tensione in campo tra i giocatori, la Vigor però spreca una grande occasione in contropiede per chiuderla. Capparella mandato in uno contro uno salta Pirrone che è costretto ad uscire fuori dalla sua area di rigore, l’attaccante della Vigor Perconti spreca clamorosamente a porta vuota.

91′ – Il Savio ci prova fino alla fine, bellissima conclusione di Gentilucci che trova la gran risposta di Corriere.

95′ – Rosso per il Savio! Panariello cerca in tutti i modi di bloccare sul nascere il contropiede della Vigor innescato dallo scatto di Kone. il numero 8 del Savio non ci pensa due volte a fermare il suo avversario con un contrasto giudicato troppo duro dal direttore di gara. Savio in 10 per questi ultimi secondi.

Finisce qui! Risultato finale 2-1

Al termine di una partita davvero spettacolare la spuntano i padroni di casa della Vigor Perconti. Il Savio però esce a testa alta, consapevole di aver fatto una grande prova contro un avversario di pari livello.

Per recuperare la partita, andate sulla nostra piattaforma accedendo al seguente link.

campus eur mortaroli

Zona MYSP: intervista a Mortaroli dopo la salvezza del Campus Eur “Con la fame l’abbiamo ribaltata”

Dopo la salvezza raggiunta al termine della partita Campus Eur 1960 – Fiumicino, finita con il risultato di 2-1, abbiamo intervistato Matteo Mortaroli, autore del gol decisivo che ha sigillato la vittoria per i padroni di casa. A gara conclusa c’era parecchio entusiasmo tra le mura del Mario Tobia, complice la tensione accumulata nel corso di una stagione travagliata.

Le dichiarazioni di Mortaroli:

Le tue emozioni dopo aver segnato il gol decisivo? 

Contentissimo, non ho parole. Me lo aspettavo perché il gol era già pronto appena partito il pallone. Sono troppo contento per Diego (il fisioterapista della squadra NDA) che mi sta curando da sei mesi, perché ho avuto sempre problemi fisici. Sono contento per tutti: per la squadra, per il mister, che per me è un padre e mi sta facendo crescere. Per Claudio (il direttore sportivo NDA), che per me è una persona fondamentale, speciale. Questa squadra è la mia famiglia, spero di restare il più a lungo possibile, se il mister ed il direttore me lo concederanno (ride). Per il resto sono contentissimo, salvarsi è sempre qualcosa di speciale.

Come giudichi la tua stagione dall’inizio alla fine? 

Abbastanza positiva, erano 3 anni che non arrivavo in doppia cifra. La prima parte della stagione l’ho fatta in Toscana. Arrivare a 10 gol per me è un traguardo importante specialmente perché l’ho raggiunto qui, in questa società, che ha un progetto importante e il prossimo anno è pronta a fare bene. Sono veramente contento di vivere questa esperienza.

A fine primo tempo stavate sotto di un gol, com’era il clima dentro lo spogliatoio?

Un po’ di teste basse, ma c’è poco da avere le teste basse se giochiamo come sappiamo fare. Quello che ho detto ai ragazzi nello spogliatoio è che dobbiamo giocare, non farci prendere dagli altri, dal panico. Niente lancioni, noi facciamo il nostro gioco, gli altri poi faranno il loro. Nel secondo tempo siamo entrati e abbiamo fatto il nostro gioco palla a terra. Il destino ci ha dato l’occasione con un ragazzo espulso, il rovescio della medaglia ci ha portato fortuna. Siamo contenti, il clima a fine partita lo conosciamo tutti, c’è chi si salva e chi no.

Sono contentissimo, con loro è una goduria in più, perché questa settimana hanno fatto dei post un po’ particolari. Noi ci siamo un po’ arrabbiati e siamo scesi con la voglia di vincere, ci hanno caricato tantissimo. Pur perdendo 1-0, con la fame e la forza l’abbiamo ribaltata.

A chi dedichi il gol? 

A questa famiglia.

Ricordiamo che potete trovare la partita completa sulla nostra piattaforma ufficiale, mentre gli highlights sono disponibili su Facebook e Instagram.

Qui invece per la cronaca della partita.

campus eur cangiano

Zona MYSP: intervista a Cangiano dopo la salvezza del Campus Eur “I cambi hanno fatto la differenza”

Al termine della partita dei Play-Out tra Campus Eur e Fiumicino, che ha visto trionfare i padroni di casa per il risultato di 2-1, abbiamo intervistato l’allenatore del Campus, Sasà Cangiano. Al termine della gara tra le mura del Mario Tobia si respirava davvero un forte clima di festa, vista la stagione difficile che hanno dovuto affrontare staff e ragazzi.

Ecco le parole di Cangiano:

Formazioni inedita per certi versi, fuori Nardecchia, fuori Cipriani, fuori Marini. Come mai queste scelte?

Durante l’anno non abbiamo mai avuto tutta la rosa al completo. Siamo stati trascinati dagli errori, la squadra non è mai stata al completo, abbiamo fatto un miracolo ad arrivare a giocare in casa questo play-out. Sono arrivato all’ultima partita ad avere tutti a disposizione, quindi mi sono ritrovato a dover fare delle scelte.

Ho deciso di far giocare davanti due giocatori, anche se non attaccanti, veloci, che potevano tenere di più il possesso del pallone. Queste partite si risolvono anche dopo, quindi volevo avere a disposizione giocatori che una volta entrati avevano quella personalità poi di ribaltare anche un risultato negativo. Così è stato visto che i cambi che ho fatto, Nardecchia e Marini, hanno fatto la differenza sia sotto l’aspetto della personalità che della qualità.

Partita a due facce, una il primo e l’altra il secondo tempo. Ha avuto la stessa sensazione?

Queste partite possono essere sbloccate da un episodio. Qui l’arbitro, sotto questo punto, non ha avuto il coraggio di fischiare un rigore netto dopo 5 minuti: Visconti era davanti alla porta e si è vista la maglietta tirata di un metro. Quello era rigore ed espulsione. Le partite poi si mettono sotto un’altra luce. Non ti fischiano un rigore, ti mangi un gol, loro hanno un’occasione con una grande parata di Barrago. Poi che succede? Subentra la paura, perché in queste partite succede, prendi gol al 45′ .

In quei momenti devi essere, tranquillo e aspettare il momento giusto. L’abbiamo fatto.

Cosa ha detto ai suoi tra primo e secondo tempo?

Ho dato e chiesto tranquillità. In questi momenti è inutile urlare. Bisogna essere equilibrati, tranquilli e trovare le soluzioni giuste. Io l’avevo preparata in questo modo, avendo in panchina ottime risorse nel caso fossimo finiti sotto.

Come considera tutta la stagione?

Questo è un miracolo. Durante l’anno abbiamo perso tanti giocatori importanti su cui avevamo puntato. Primo fra tutti l’ex capitano, che a dicembre ha abbandonato la nave. Ramacci, che ha lasciato per lavoro. Pellegrino che si è fatto male, lo stesso Santapaola. Poi tanti altri infortuni: Guiducci 4 mesi, Capanna 2. Abbiamo avuto tantissimi infortuni, ma abbiamo fatto di tutto per giocarci il play-out in casa per avere un piccolo vantaggio e alla fine ci siamo riusciti.

Ricordiamo che potete trovare la partita completa sulla nostra piattaforma ufficiale, mentre gli highlights sono disponibili su Facebook e Instagram.

Qui invece per la cronaca della partita.

Campus eur fiumicino

Eccellenza Play-Out, Campus Eur 1960 – Fiumicino: la cronaca

Campus Eur 1960 – Fiumicino si presentava come una delle partite più equilibrate dei vari gironi di Eccellenza. La squadra di casa, allenata da mister Cangiano, infatti, aveva solo due punti di distacco dai ragazzi di Mister Di Ruocco (sostituito per questa gara dal suo secondo Castagnari), sufficienti però per disputare questo turno dei play-out tra le mura amiche del Mario Tobia. L’aria era tesa, ma mister Cangiano alla vigilia sembrava abbastanza tranquillo, ecco una parte delle sue dichiarazioni:

Il clima è quello prima di una partita importante, c’è concentrazione. Ci giochiamo una stagione intera. Stiamo preparando la partita nei migliori dei modi, sappiamo che sono gare secche e quindi difficili. Anche se abbiamo due risultati su tre bisogna preparare la partita per vincere, senza pensare che anche con il pareggio al termine dei tempi supplementari rimarremmo noi in Eccellenza. Sappiamo che è difficile, incontriamo una squadra organizzata, che non vuole assolutamente retrocedere. Sarà una domenica di battaglia.

Formazioni:

Campus Eur 1960
Barrago, Passeri, Pietrini, Stufa, Guiducci, Gabriele, Calveri, Cangiano, Visconti, Mortaroli, Capanna
Ris: Milan, Marini, Bruschi, Perugini, Nardecchia, Cipriani, Bucur, Bonifacio, Stecca
All: Cangiano

Fiumicino
Molon, Ferrari, Baronci, Benedetti, Bove, Munaretto, Parini, Di Nicolò, Bonis, Clementucci, Trimeliti
Ris: Loru, Prato, De Franco, Palmieri, Ottello, Bartocci, Zoppellari, Marinucci, Bozzetto
All: Castagnari

campus eur fiumicino

Primi minuti molto intensi di entrambe le squadre, nessuna ha intenzione di mollare e si giocano tantissimi palloni lunghi.

9′ – Traversa clamorosa del Fiumicino! La prima palla gol della partita è della squadra ospite. Dagli sviluppi di un calcio d’angolo Baronci mette un gran pallone sul secondo palo, Bove però da dentro l’area piccola stampa la conclusione sul legno.

15′ – Dopo il brivido iniziale, il Campus si affaccia nella metà campo avversaria con parecchia costanza. Ottima azione sull’asse Cangiano-Visconti, una serie di scambi tra i due danno modo a Cangiano di ritrovarsi solo contro Molon. Purtroppo la posizione defilata non aiuta il numero 8 del Campus Eur, ma il portiere effettua un grande intervento, mandando la palla in calcio d’angolo.

16′ – Sugli sviluppi dello stesso corner si crea una mischia in area di rigore, il Campus non riesce a trovare la zampata vincente e Molon si ritrova il pallone tra le mani.

18′ – Palo del Campus Eur! Rinvio sbagliato di Molon, la palla arriva a Capanna che al volo da centrocampo colpisce il legno.

21′ – Calcio di punizione dalla trequarti per il Campus. Mortaroli la mette morbida sul secondo palo, trovando la deviazione di Calveri. Colpo di testa del capitano, respinto da Molon e area di rigore liberata.

24 – Ancora Campus, questa volta con Visconti che dal limite prova il destro di potenza non trovando la porta di poco.

41′ – Partita molto fisica e per dare qualche emozione in più serve un episodio. Una respinta sbagliata di Guiducci mette in ottima posizione Trimeliti che, davanti a Barrago, offre generosamente la palla del vantaggio a Bonis. L’estremo difensore del Campus però non ci sta e con un miracolo vero e proprio tiene in vita la sua squadra.

49′ – Gol del Fiumicino! Praticamente a tempo scaduto il Fiumicino trova il gol con un gran calcio di punizione di Baronci da posizione defilatissima. La traiettoria attraversa tutta l’area di rigore e va diretta sotto l’incrocio, un bacino al palo e Barrago battuto. 0-1 per il Fiumicino.

Fine primo tempo 0-1

5′ – Grande occasione per il Campus, Visconti da dentro l’area scarica un destro potente ma centrale, nessun problema per Molon.

14′ – Rosso diretto per De Nicolo! Testa a testa con Nardecchia che vede il numero 16 del Campus Eur finire a terra. L’arbitro è a due passi e decide di mandare fuori il centrocampista del Fiumicino, uno dei migliori della gara fino a questo momento.

21′ – Gol del Campus Eur! Dagli sviluppi di un calcio d’angolo in mischia Passeri ha la meglio, il pallone vagante viene spedito con un destro potentissimo alle spalle di Molon. 1-1 e palla al centro.

26′ – Ancora Campus Eur con Nardecchia questa volta, destro potente ma ben respinto da Molon che salva il Fiumicino.

29′ – Doppia occasione per il Campus Eur con Gabriele che di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo non trova il gol, sulla palla respinta da Molon il numero 6 riprova il colpo vincente ma senza riuscirci.

34′ – Il Fiumicino si riaffaccia davanti e lo fa grazie ad un cross del solito Baronci che sta facendo davvero una gran bella partita. Il traversone trova l’appena entrato Marinucci che anticipa i centrali del Campus ma non trova la porta di testa.

37′ – Perugini sfiora il gol per il Campus, lo fa con un sinistro dal limite che per pochissimo non batte Molon.

40′ – Gol del Campus Eur! Numero di Visconti che dopo un tunnel a centrocampo mette una palla a tagliare sui piedi di Mortaroli. Il numero 10 deve solo andare sul pallone, uno sguardo al portiere e di prima intenzione deposita la sfera all’angolino. 2-1 Campus, risultato completamente ribaltato.

45′ – Espulsione per Ferrari, il numero 2 del Fiumicino viene punito con un rosso diretto per un intervento ai danni di Calveri.

47′ – Cipriani spreca la palla del K.O. tecnico. Mandato in uno contro uno col portiere, prova un pallonetto che finisce sopra la traversa.

Finisce qui, Campus Eur 1960 – Fiumicino 2-1 

Finisce così una partita molto equilibrata, con occasioni da entrambe le parti. Dopo la prima espulsione la squadra di Cangiano sembrava aver qualcosa in più nelle gambe, i cambi sono risultati decisivi per orientare la partita verso la propria parte. Il Campus è salvo, il Fiumicino invece dovrà ripartire dal campionato di Promozione.

Per recuperare la partita, andate sulla nostra piattaforma accedendo al seguente link.

Se volete leggere le parole di Mister Cangiano e Mortaroli, qui il rimando ai nostri articoli dedicati.

di fabio campus eur

Zona MYSP: Intervista a Nicholas Di Fabio “Il mio obiettivo era quello di fare gol”

Siamo andati tra le mura amiche del Campus Eur ad intervistare Nicholas Di Fabio, capocannoniere del campionato Under 16 Elite girone A, per la nostra rubrica Zona MYSP. In questa stagione si sta dimostrando un autentico mattatore, arrivando a quota 24 gol a due giornate dal termine.

24 gol non sono pochi, ti aspettavi ad inizio stagione di arrivarci?

Ovviamente sono molto contento di aver raggiunto questo obiettivo. 24 gol sono tanti, ho lavorato duro per raggiungere questa cifra, sempre con il mister Roberto Pellegrini. Sono molto felice.

Cosa pensi della prossima partita?

Prossima partita contro il Fiano Romano, che ha più o meno i nostri stessi punti. Sarà una partita equilibrata,  ma tutta la squadra si sta preparando molto bene, puntiamo alla vittoria ovviamente. Ci stiamo preparando molto bene anche in vista del torneo Beppe Viola, che inizierà il mese prossimo.

Ad inizio stagione che campionato ti aspettavi di fare?

Parlando personalmente, il mio obiettivo era quello di fare gol, tanti gol, anche perché lo scorso anno non ne avevo fatti molti (ride). Ci sono riuscito e questo mi rende particolarmente orgoglioso. Parlando della squadra invece il nostro obiettivo inizialmente era quello di puntare ai play-off, ma la stagione è iniziata male per noi. C’è stato qualche errore arbitrale di troppo, poi ci siamo ripresi ma abbiamo subito alcune sconfitte immeritate. Purtroppo non siamo arrivati al quarto posto ma stiamo nella medio-alta classifica, quindi tutto sommato è andata bene.

Con il mister e con la squadra come ti trovi?

Mi trovo molto bene, sia con i compagni che con il mister. Il mister lo conosco ormai da quasi tre anni, con la squadra invece abbiamo legato da subito fin dal ritiro. Siamo un gruppo molto unito e ci aiutiamo l’uno con l’altro.

A che giocatore ti ispiri? 

Il giocatore a cui mi ispiro è Karim Benzema perché un 9 puro, per la sua tecnica e soprattutto per la sua voglia di fare gol, oltre che per la capacità di farsi trovare sempre pronto dentro l’area di rigore.

Come una finale

Come una finale: le partite da non perdere tra LND e SGS, 7-8 maggio

Tra campionati conclusi e altri da portare a termine, le partite di questa settimana promettono davvero scintille. In tutte le categorie ci sono gare decisive, noi del MYSP come al solito vi segnaliamo quali non dovreste proprio perdervi.

Eccellenza: Campus Eur 1960 – Fiumicino, 8 maggio ore 11:00, play-out

Partita che può significare salvezza per entrambe le squadre, che si daranno battaglia sul rettangolo verde del Tobia. La squadra di Cangiano potrà contare sulle mura amiche, ma la controparte guidata da Di Ruocco non avrà intenzione di mollare un centimetro.

Juniores Elite: Savio – Atletico Torrenova 1986, 7 maggio ore 15:00, play-off

Rispettivamente terza e quarta dei propri gironi, questa partita promette spettacolo assicurato. Se il Savio si presenta con un attacco davvero formidabile, il Terranova può contare su una maggiore solidità difensiva.

Under 16 Elite: Urbetevere – Trastevere , 7 maggio ore 17:30

Urbetevere-Trastevere è una partita che non può passare inosservata. Il Trastevere, ormai matematicamente salvo dalla zona play-out, non ha più nulla da chiedere al campionato. L’Urbetevere invece si trova a 2 punti dal secondo posto, posizione che gli garantirebbe un sorteggio più favorevole ai play-off.

Under 15 Regionale:   Spes Montesacro – Villalba Ocres Moca 1952, 8 maggio ore 9:00

Se da una parte il Montesacro non può permettersi di perdere, trovandosi primo a pari punti con lo Spes Artiglio, dall’altra il Villalba non deve assolutamente fare passi falsi per ottenere una salvezza tranquilla. Compresa questa giornata, ci sono ancora di 4 partite da giocare. Per entrambe le compagini è assolutamente vietato sbagliare.

Vi ricordiamo che per vedere le gare in diretta o in replica da PC basterà accedere alla nostra piattaforma dedicata, mentre se volete avere il mondo MYSP sul vostro cellulare dovrete scaricare l’applicazione disponibile sia su dispositivi iOS che Android.

colleferro certosa

Under 17 Elite, Colleferro – Certosa: la cronaca

Finisce 0-0 lo scontro andando in scena al Caslini tra Colleferro e Certosa, partita importantissima per entrambe le squadre. Il Colleferro in piena zona play-out è stato costretto ad affrontare all’ultima giornata un Certosa che distava solo due punti. Per questo la squadra di Lucidi aveva un solo risultato utile per salvarsi direttamente.

Il Certosa ha venduto cara la pelle, giocando una bella partita e creando anche occasioni importanti, avendo inoltre il coraggio di essere aggressivo fin da subito per non dare respiro agli avversari.

Di seguito le formazioni:

Colleferro
Giunta, Cerri, El Bejaadi, Kullojka, Alessi, Lepri, Frattali, Boschi, Corsi, Lorenzi, Cedrone
Ris: Riccardi, Sanna, Tirocchi, Maschiella, Salvatori, Quatrana, Stefan, Celani, Foladi
All: Lucidi Daniele

Certosa
Fedeli, Finocchi, Proietti, Schiffino, Merolle, Donadio, Russo, Romano, Olivieri, Buonanno, Morgante
Ris: Storti, Mancini, Salvi, Glenowski, Sammarco, Rosmarino, Mari, Taito, Rahman
All: Aliberti

colleferro certosa

Il Certosa dà il via alla gara. La squadra di Aliberti comincia forte con un gran pressing, cercando quanto più possibile di recuperare il possesso palla nella metà campo avversaria.

2’- Dagli sviluppi di un calcio d’angolo la palla arriva perfetta al limite per Donadio del Certosa, che al volo non impatta benissimo e manda alto.

9’ – Il Certosa sembra avere qualcosina in più in questi primi minuti, nonostante la partita si sia giocata prevalentemente a centrocampo. Morgante trova un po’ di spazio sulla sinistra e si accentra per calciare. Conclusione centrale, nessun problema per il portiere.

13’ – Ancora il Certosa sugli sviluppi di un calcio di punizione laterale. Palla calciata sul secondo palo, dove tutto solo stacca Schiffino che di testa non trova la porta da due passi.

24’ – Pessima respinta di Lepri del Colleferro che consegna la palla a Romano. Il numero 8 però strozza troppo il sinistro dal limite e trova la pronta risposta di Giunta.

30’ – Schema su palla inattiva del Colleferro, che a momenti trova il gol del vantaggio. Calcio di punizione sulla trequarti avversaria. Sul punto di battuta si presentano Frattali e Cedrone, con quest’ultimo a fintare il tiro per servire il compagno. Una triangolazione improvvisa mette in moto Lorenzi, che, nonostante una potente botta di sinistro, trova Fedeli che blocca in due tempi.

44’ – Il Colle Ferro cerca l’imbucata sulla destra, ma ad impedire il gol ci pensa un’uscita coraggiosissima di Fedeli, che anticipa rasoterra l’attaccante proprio al momento del tiro.

Fine primo tempo, Colleferro – Certosa 0-0

2’ – Il Certosa riparte subito forte, Buonanno recupera palla e dalla destra crossa sul secondo palo. La sfera attraversa tutta l’area di rigore e trova sulla parte opposta Morgante che punta, si accentra, e dopo aver saltato il terzino avversario scarica un destro che esce di poco.

3’ – Passa un minuto ed il Certosa è nuovamente all’attacco. Pallone messo a campanile sul secondo palo da una punizione battuta a centrocampo, Olivieri però stacca di testa senza trovare la porta.

6’ – Il Colleferro prova a rispondere: Corsi offre palla a Cedrone, che sulla sinistra punta l’uomo, lo salta e calcia in porta. La conclusione, seppur indirizzata all’angolino, è debole e per Fedeli risulta normale amministrazione.

10’ – Calcio di punizione defilato per il Certosa. La posizione era più idonea per il cross, ma Russo calcia diretto in porta sopra la barriera. Esce fuori una traiettoria pericolosissima, solo una grandissima parata di Giunta impedisce il vantaggio degli ospiti.

20’ – Partita molto fisica in questo secondo tempo, le squadre fanno fatica a tenere la palla e sono costrette a ricorrere ai lanci lunghi. Proprio sugli sviluppi di un calcio di punizione da centrocampo, Proietti del Certosa mette palla al limite dell’area avversaria. Una serie di rimpalli libera Buonanno, che però calcia centrale.

22’ – La risposta del Colleferro non si fa attendere e, anche in questo caso, sugli sviluppi di un calcio di punizione, i giocatori non trovano la rete del vantaggio. Cross sul secondo palo, Russo del Certosa non respinge bene e serve per errore Corsi, che non trova l’impatto giusto per fare gol.

33’ – Calcio di punizione defilato per il Colleferro. Si cerca direttamente la porta ma Fedeli è pronto e con la mano di richiamo respinge un gol praticamente fatto.

37’ – Colleferro vicinissimo al gol con l’occasione più importante della partita. Palla in verticale per Stefan che punta due avversari e mette palla al centro per Corsi, tacco per liberare Cedrone che a colpo sicuro trova una gran risposta di Fedeli.

38’ – Il Colleferro le prova tutte, ma si divora un’occasione d’oro. Cross sul primo palo dalla sinistra, Corsi anticipa il difensore e prolunga sul secondo. In quella zona ci sono completamente liberi Celani, Stefan, e Maschiella, tutti subentrati nel secondo tempo. Purtroppo però Celani e Maschiella si ostacolano a vicenda non trovando il pallone praticamente dalla linea di porta.

Finisce qui, Colleferro – Certosa 0-0

Risultato un po’ amaro per i padroni di casa, che dovranno giocarsi la permanenza nella categoria passando dai play-out. Il Certosa può festeggiare, ha giocato una partita meravigliosa sotto l’aspetto della compattezza e la salvezza è davvero meritata. Il Colleferro purtroppo non è riuscito a sfruttare le ultime due grandi occasioni, che avrebbero potuto cambiare il destino della partita.

Per recuperare la partita, andate sulla nostra piattaforma accedendo al seguente link.

MYSP partite

Come una finale: le partite da non perdere tra LND e SGS

Molti campionati sia dei dilettanti che del settore giovanile stanno giungendo alla conclusione, ma i giochi per alcune squadre non sono ancora finiti, per questo motivo noi del MYSP vi segnaliamo le partite che trasmetteremo da tenere d’occhio questo fine settimana.

Eccellenza: Vigor Perconti – Polisportiva S. Angelo Romano

La Vigor allenata da Bellinati è chiamata a non sbagliare, visto e considerato che un altro risultato la metterebbe in serio rischio retrocessione. Il Certosa sotto a -1 mette pressione. Dall’altra parte la Polisportiva S. Angelo Romano attualmente non ha grossi obiettivi, basta vedere la classifica per rendersi conto della differenza di organico delle rispettive squadre, le motivazioni di realizzare l’impresa in casa Vigor ci sono tutte. Purtroppo anche con una vittoria, la stagione dei rosso-blu non finirebbe qui, perché si qualificherebbe ai play-out come ultima e la permanenza in Eccellenza sarebbe ancora tutta da decidere.

Under 17 Elite Colleferro – Certosa

Il Colleferro è primo in zona play-out a -2 dal Certosa, che per il momento è salvo. Dunque lo scontro diretto dell’ultima giornata ha l’importanza di una finale. La squadra di casa non ha altri risultati disponibili oltre la vittoria, per questo ci aspettiamo una partita tirata fino all’ultimo.

Under 16 Elite: Vigor Perconti – Accademia Calcio Roma

Seconda contro terza. La Vigor ha l’obbligo di vincere se vuole restare in corsa per il primo posto. Allo stato attuale mancano ancora tre giornate ed i punti dalla vetta sono solo 4. Nei prossimi due turni si deciderà il destino del campionato.

Under 16 Elite: SA.MA.GOR. – Urbetevere

Partita tesa tra due squadre che non hanno paura di giocare a pallone, anche prendendosi dei rischi. Se l’Urbetevere allo stato attuale può ambire solo al secondo posto, al contrario il SA.MA.GOR. ha bisogno di più punti possibili per allontanarsi dalla zona retrocessione, che attualmente dista solo 2 punti.

Under 16 Elite: Boreale Don Orione – Circolo dei Canottieri

Allo stato attuale la Boreale si trova quinta a pari punti con il Civitavecchia Calcio, dunque perdere o pareggiare non sarà consentito. La squadra di Passerini sta dimostrando di voler rimanere aggrappata con le unghie e con i denti ai play-off. Dubitiamo che vorranno mollare la presa proprio adesso.

Vi ricordiamo che per vedere le gare in diretta o in replica da PC basterà accedere alla nostra piattaforma dedicata, mentre se volete avere il mondo MYSP sul vostro cellulare dovrete scaricare l’applicazione disponibile sia su dispositivi iOS che Android.